Mese: dicembre 2016

gli-schiavi-della-piana-di-gioia-tauro

Gli schiavi della Piana di Gioia Tauro

di MEDICI PER I DIRITTI UMANI (in Comune-info.net,dicembre 2016) Nella zona industriale di San Ferdinando sono più di 2mila i migranti accampati tra tende, baracche e stabili abbandonati in condizioni di vita e di lavoro disastrose. Il Protocollo Operativo in materia di accoglienza e integrazione sottoscritto quasi un anno fa in Prefettura con Regione e

copertina-per-articoli

“Sud Comune”. Un Laboratorio che dovrà avere molto da dirci

di DOMENICO BILOTTI (by Redazione, dicembre 2016) Negli anni Ottanta si diceva che fosse un’avventura rischiosa mettersi a pubblicare editoria politica. La normalizzazione capitalistica stava riassorbendo in sé le spinte sociali dei decenni precedenti contrabbandando edonismo e disperazione. Negli anni Novanta si diceva che fosse un’avventura rischiosa mettersi a pubblicare editoria periodica. La resistenza alla

ilmanifesto

«Sudcomune», l’antiperiodico volto al globale

di CLAUDIO DIONESALVI (pubblicato, in versione ridotta, su Il Manifesto del 23/12/2016) Per chi volesse orientarsi nel presente caotico e magari tornare a coltivare l’ambizione di capovolgerlo, può risultare preziosa la lettura di “Sud comune”, anti-periodico di inchiesta, biopolitica e soggettivazioni. Oltrepassato il delicato confine della gestazione, alla sua seconda uscita la rivista sfodera un

comune

La sfida neomunicipalista: appunti, suggestioni e questioni aperte da Napoli

di MAURO PINTO e FRANCESCO FESTA (in Euronomade.info, agosto 2016) Riportiamo,insieme alle significative testimonianza siciliane,questo intervento che arriva da una altra città meridionale ,Napoli,che ha fatto da apripista, in questo 2016, nel dare luogo a quelle esperienze di autorganizzazione e comunanza della lotta aiutandoci in definitiva a leggere dentro queste nuove forme di “neomunicipalismo meridionale”.

comune

Teatro Montevergini a Palermo: storia di un’occupazione. Intervista all’assemblea

di LUCA MICHELE PISCITELLI (in Labsus.it, dicembre 2016) Riportiamo qui di seguito all’attenzione un innovativo esperimento di “intervista comune” con l’Assemblea che si è costituita  per la gestione dello spazio cittadino che ci ha fedelmente riportato le risposte che la stessa Assemblea ha approvato. Alla città di Palermo ed alla sua amministrazione si è di fatti lanciata una

comune

Messina:una esperienza municipalista

di IVANA RISITANO (in Euronomade.info, agosto 2016)                                                                                                

cv-curriculum

Il dilemma del disoccupato nel capitalismo cognitivo

di GABRIELE PALMA (in Effimera.org,dicembre 2016) Riflessioni intorno al libro Logiche dello sfruttamento. Oltre la dissoluzione del rapporto salariale, di Federico Chicchi, Emanuele Leonardi e Stefano Lucarelli (Ombre Corte, 2016) **** Mesi fa incontro in treno un ragazzo che conosco. Bello, sveglio e senza un mestiere, mi racconta che sta organizzando un festival in un

slider-hp-grateful

Un economista ad Haight-Ashbury

di ALEX FOTI (in Effimera.org,dicembre 2016) Una lettura di Alex Foti del libro di Andrea Fumagalli Grateful Dead Economy. La psichedelia finanziaria, (Agenzia X, 2016) Ho conosciuto Andrea quando ero studente di economia in Bocconi che iniziava a frequentare i centri sociali milanesi. Volevo superare la schizofrenia fra economia e psichedelia (erano gli anni della

brogi-cannes-01

Antropologia, progettualità neo-liberale, Soggetto

Un dialogo con ADELINO ZANINI (in Consecutio .org,dicembre 2016) D.: Affrontare il tema delle relazioni tra antropologia ed economia richiede una ri­flessione preliminare: in merito cioè a quanto questo complesso sviluppo di rela­zioni abbia innanzitutto trovato esplicazione ”progettuale” nel campo epistemologico delle scienze umane, intese in chiave necessariamente e sufficientemente ampia da inclu­dere nel loro alveo

metropoli6

«Metropoli», assalto al cielo nell’autunno caldo delle lotte

di ANDREA COLOMBO (in Il Manifesto.info, dicembre 2016) Nel giugno 1979 arrivò nelle edicole e vendette subito uno sproposito il primo e molto atteso numero di una nuova rivista. Si chiamava Metropoli ed era redatta, come spiegava il primo editoriale, «da un collettivo di compagni che, nel suo insieme, ha attraversato il ’68, l’autunno caldo

1 2 3 4