populismo-1

La variante populista che fa discutere

di CARLO FORMENTI (in contropiano.org, novembre 2016) La “requisitoria” di Cristina Morini nei confronti de “La variante populista” apparsa su Alfabeta2 impone una replica. Sarò sintetico, limitandomi a esaminare le critiche che giudico palesemente infondate e a ribadirei motivi di dissenso nei confronti del paradigma teorico cui Cristina si ispira. In particolare, affronterò i seguenti

populismo-2

La variante rivoluzionaria

di GIGI ROGGERO (in Commonware.org, novembre 2016) Qualche mese fa Franceschini, degno rappresentante della mediocrità politica del suo partito, ha detto che oggi lo scontro oggi non è più tra destra e sinistra, ma tra sistemisti e populisti. Se perfino un dirigente del PD arriva a cogliere qualche elemento di realtà, vuol dire che esso

we-are-the-99

Le macerie dei populismi

di CRISTINA MORINI (in Alfabeta 2.it, novembre 2016) Carlo Formenti è un intellettuale engagé che ci ha da tempo abituati a un anticonformismo e a curiosità particolari che lo spingono a rimettere, senza esitazioni, in discussione ogni cosa. Inclinazione, umbratile e sensibile, da osservatore instancabile e scrittore assai colto che non si contenta della dimensione

autostrada-sa-rc

Salerno – Reggio Calabria. I cantieri non finiranno il 22 dicembre

di LIDIA BARATTA (in linkiesta.it, novembre 2016) Manca poco più di un mese al 22 dicembre 2016, la data indicata dal presidente del Consiglio Matteo Renzi per il completamento dei lavori sulla Salerno-Reggio Calabria. Sul sito web dell’Anas, c’è il countdown con i giorni, le ore, i minuti e i secondi che mancano all’ora X,

porto-di-gioia-tauro-01

Il porto di Gioia Tauro nelle fauci del neoliberismo

di ELISABETTA DELLA CORTE (in Contropiano.org, novembre 2016) C’è un bel film-documentario del 1996, The dockers of Liverpool, di Ken Loach1, che racconta della grande protesta dei portuali inglesi iniziata a metà degli anni novanta, nel 1995, e finita tre anni dopo nel 1998. Nel settembre del 1995, nel giro di pochi giorni, dal porto di

donald-trump-wall-street

Trump e la finanza: wall street torna protagonista

di ANDREA FUMAGALLI (in Effimera.org, novembre 2016) L’esito delle elezioni americane con la vittoria di Trump (nonostante abbia avuto un numero assoluto  di voti inferiore a quelli ottenuti da Hillary Clinton – alla faccia della rappresentanza) è stata salutata da molti media di sinistra e di movimento con un misto di indignazione per le posizioni

copertina-per-articoli

E’ uscito il n.1-2 di Sudcomune: sostienici

E’ uscito il numero 1-2 della Rivista «sudcomune. biopolitica inchiesta soggettivazioni» (novembre 2016). SOSTIENI le attività dell’Associazione attraverso l’acquisto o l’abbonamento alle sue pubblicazioni. sudcomune n.0 (pag. 80; € 12,00) sudcomune n.1-2 (pag. 130;€ 15,00) Abbonamento: 50 euro Abbonamento sostenitore: 100 euro Iban: IT29C0760116200001026763845 (spese di spedizione incluse) Le richieste possono avvenire direttamente via mail (info@sudcomune.it)

qsp

Sull’inchiesta politica nei call center calabresi

di GRUPPO D’INCHIESTA SULLA PRECARIETA’ E IL COMUNE IN CALABRIA (in Quaderni di San Precario, n.4/2013) Questo scritto nasce dentro l’esperienza d’inchiesta sulla precarietà e il comune in Calabria, portata avanti da un gruppo di compagni incontratosi al termine del seminario di ricerca “New welfare per un sud comune”, tenutosi a Cosenza tra dicembre 2011

trump-clinton

Trump, la rabbia antisistema e l’eutanasia delle sinistre

di  CARLO FORMENTI  (in micromega.blogautore.it, novembre 2016) La vittoria di Trump marca una clamorosa sconfitta della lobby transnazionale delle élite neoliberiste. Fino a poche ore prima dell’esito elettorale siamo stati bombardati dal coro pressoché unanime di governi, partiti, economisti, manager, star dello show business, campioni sportivi, sondaggisti, giornali, televisioni, piattaforme internet che celebravano la vittoria

trump

White Mirror

di PIETRO BIANCHI (in dinamopress.it, novembre 2016) «Trump è stato capace di dare una forma nazionalistica, razzista e interclassista agli immaginari e ai discorsi di un gruppo sociale proprio perché nessuno è stato capace di dargli una forma conflittuale». Un primo commento a caldo sul voto USA Questo è il prezzo da pagare per non

DV1337472

Microfisica della betise. Come distruggere l’università e vivere felici

di FEDERICO BERTONI (in leparoleelecose.it, dicembre 2015) Non amo affatto Michel Houellebecq, mi irrita da morire. Segno forse che è un vero scrittore, perché lo scopo primario della sua scrittura sembra proprio quello di irritare il lettore (e ancor più la lettrice). Ma c’è un dettaglio che mi ha colpito molto in Sottomissione, a parte

trump-presidente

L’incoerenza economica delle ricette di Donald Trump

di FRANCESCO DAVERI (in lavoce.it, novembre 2016) L’impegno a proteggere i perdenti della globalizzazione con la disdetta del Nafta e aliquote fiscali più basse ha portato Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti. Ma, al contrario di quanto promesso dal tycoon, l’aumento del deficit pubblico farà salire il disavanzo commerciale Usa.Il malessere americano che ha

universita_t

Cominciò tutto cosi: il 3+2

di FEDERICO BERTONI (in leparoleelecose.it, maggio 2016) Esce in questi giorni, per Laterza, Universitaly. La cultura in scatola di Federico Bertoni, un «libro sull’università del XXI secolo, e forse su altre cose del mondo in cui viviamo». Ne anticipiamo un estratto   ***** In principio erano due numeri, anzi un’addizione: 3+2. È la formula con

1 23 24 25 26 27 29