logo_ansa_270x60

Lo spiega un’inchiesta della rivista ‘Sudcomune’. Quattro quinti dei depositi abusivi privi di qualsiasi autorizzazione

in ANSA.IT (luglio 2015) Una miriade di piccole e grandi discariche che hanno iniettato veleno nella terra e nelle acque della Calabria: 636 siti da mettere in sicurezza, di cui 300 sono discariche dismesse. Depositi abusivi, quattro quinti dei quali privi di qualsiasi autorizzazione. E’ quanto emerge da un’inchiesta della rivista ‘Sudcomune’, che ne fornisce

corriere-della-calabria

L’inchiesta di Sud Comune sulle discariche abusive. La rivista nasce per ripensare la crisi e liberare le energie del Mezzogiorno

in IL CORRIERE DELLA CALABRIA (luglio 2015) Una miriade di piccole e grandi discariche che hanno iniettato veleno nella terra e nelle acque della Calabria: 636 siti da mettere in sicurezza, di cui 300 sono discariche dismesse. Depositi abusivi, quattro quinti dei quali privi di qualsiasi autorizzazione. È quanto emerge da un’inchiesta della rivista “Sudcomune”, che

testata-cw

La temporalità meridiana contro lo sfruttamento capitalistico

di LELE LEONARDI (in Commonware.org, ottobre 2015) Proprio in questi giorni, sulle pagine de il manifesto, Franco Bifo Berardi ha sostenuto che di vita a sinistra proprio non ce n’è, che semmai dovremmo parlare di sopravvivenza, di un tentativo fragile di mantenere aperta “la possibilità di fare del sapere la leva per liberarci dallo sfruttamento”.

mmasciata-logo-header

sudcomune. Una storia cosciente contro il Biopotere

di FRANCESCO LESCE (in mmasciata.it, luglio 2015) L’esperienza di Sud Comune muove i suoi primi passi con la pubblicazione del “numero 0” dell’omonima rivista, presentata nella città di Cosenza. Si tratta di un progetto ambizioso, che non lascia spazio a intenzioni vaghe. Il proposito dei due principali ideatori di questa iniziativa, Carlo Cuccomarino e Francesco Maria

porto9

Adam Smith a Gioia Tauro

di FRANCESCO FESTA (in Euronomade.info, marzo 2015)   «…che il Sud possa ribellarsi e innalzare una bandiera dietro la quale si muovano altre forze è un’opzione che va dimostrata» (Toni Negri1). A cosa ci riferiamo quando parliamo di subalternità? E quale campo semantico o geografico interroghiamo nel nominare la nozione “Sud”? In entrambi i casi segnaliamo

testata-cw

Commonware – Cartografia delle lotte (2013 – 2014)

Abbiamo individuato dieci concetti, attraverso cui costruire la nostra cartografia delle lotte nella crisi e da mettere a verifica al suo interno: saperi, città e metropoli, composizione di classe, precarietà e welfare, corruzione, generi e generazioni, mobilità, rete, crisi della rappresentanza e comune, produzione di soggettività. Per ognuno di questi concetti ci saranno due relazioni, una

uninomade

Uninomade 2.0 – Stili della militanza. Dal movimento operaio a Occupy (2013)

Formazione militante: da questo compito e da questa esigenza collettiva nasce l’esperienza di Commonware. Estranei a qualsiasi nefasta riproposizione di “scuole di partito”, cerchiamo di iniziare a dare collettivamente prime risposte comuni alla grande domanda che ci troviamo di fronte: come ripensare la formazione politica dentro le mutazioni soggettive e le pratiche di movimento contemporanee? Abbiamo

uninomade

Uninomade 2.0 – Da Marx all’operaismo: storia, concetti, problemi (2012)

UniNomade Commonware Percorso di autoformazione Bologna, gennaio-maggio 2012 Commonware è lo spazio di UniNomade dedicato alla condivisione dei saperi e alla costruzione di percorsi di conricerca e autoformazione. É una cassetta degli attrezzi per i movimenti e dentro i movimenti, un luogo di elaborazione di nomi e categorie comuni, un laboratorio di formazione politica e di

1 26 27 28 29 30