Schermata 2018-03-01 alle 23.32.14

Donne e albanesi: nuove forme di vita

di KETTY NARDULLI (in Sudcomune, marzo 2018) Per introdurre il presente scritto, partirò dalle conclusioni del precedente lavoro in cui ho espresso l’ipotesi di una realtà sociale in certa misura modificabile dal soggetto che l’interpreta e dalla definizione che esso ne dà secondo i propri schemi e costrutti mentali rinvenenti da retaggi culturali acquisiti nel tempo. Con

Giacinto_Gigante_-_Marina_di_Posillipo

Et in Pausilipo ego

di STEFANO TACCONE (in Sudcomune, febbraio 2018) Et in Arcadia ego è un’iscrizione riportata in alcuni importanti dipinti del Seicento, fra cui uno del Guercino (1618–1622) ed un altro, di pochi anni più tardi (1640), di Nicolas Poussin. Il primo possiede forse un impatto visivo ancora più prorompente del secondo: i busti di due pastori sbucano dagli

Energia pura e grandissime emozioni con i 99 Posse al Festival Alta Felicità in Val Susa (estate 2016). Foto di Luca Perino-768x494

Colpi di martello sui chiodi della bara-Tav

di WU MING 1 (in comune-info.net,febbraio 2018) Chi segue le vicende della lotta No Tav in Val di Susa non si è affatto sorpreso nell’apprendere gli ultimi sviluppi. Sviluppi che i grandi giornali, i media mainstream, si sono ben guardati dal riportare. Per fortuna ne ha scritto su il Manifesto il “nostro” Maurizio Pagliassotti, e da

Call-For-Papers-Filosofia-Passioni-Politica

Lavoro e rivoluzione Sapere, linguaggio e produzione nel pensiero radicale italiano

ANGELO NIZZA (in losguardo.net, ottobre 2017) «Tutta la teoria sul lavoro intellettuale e manuale esposta in queste pagine deve essere interpretata come contributo all’edificazione del socialismo dopo la rivoluzione, non come teoria della rivoluzione. Ma una rivoluzione tende ai propri effetti finali contenendo già in sé gli elementi che trasforma in risultati. La teoria di

inigo errejon-1182x667

Il ritorno di Errejon -La patria è l’ordine

Intervista di Paula Vázquez e Mario Santucho a Iñigo Errejón (in Sensocomune.it,Dicembre 2017) L’Íñigo in carne ed ossa non ha niente a che vedere con l’immagine che di solito di Errejón viene trasmessa. Lo si è descritto come uno stratega che agisce nell’ombra, inventore dalla “macchina da guerra elettorale” di Podemos; come un Robespierre redivivo

ripensare l'europa

Ripensare l’Europa unita.Appunti per una discussione

di COLLETTIVO EURONOMADE (in euronomade.info,Gennaio 2018) Partiamo da un dato che ci appare inconfutabile: nella situazione attuale, caratterizzata da un mutamento di indirizzo della globalizzazione e dall’emergere di nuove linee di conflitto sul livello mondiale, la questione degli spazi (se si vuole, la questione geopolitica e geo-economica) diviene decisiva per gli sviluppi della lotta di classe.

they-live-we-vote-hillary-shirt-square-300x300

Riflettendo sulle elezioni con Sartre

di FABIO CIABATTI (in carmillaonline.com,febbraio 2018) “Perché dovrei andare a votare?” si chiedeva Sartre molti anni fa. Perché sono stato convinto che è il solo atto politico della mia vita. In realtà, proseguiva, mettere il suffragio nell’urna è il contrario di un atto: significa confermare la mia passività, abdicare al mio potere, cioè alla possibilità che

Francesco Remotti-L'ossessione-identitaria-Laterza

L’identità: un concetto avvelenato

di ARMANDO LANCELLOTTI (in carmillaonline.com,gennaio 2018) Detto approssimativamente: Dire di due cose, che esse siano identiche, è un nonsenso; e dire di una cosa, che essa sia identica a se stessa, non dice nulla (L. Wittgenstein, Tractatus logico-philosophicus, 5.5303) È cosa facilmente verificabile per chiunque che il concetto di identità sia oggigiorno uno dei più

copertina copia 3

Il comune ostaggio del capitale. Recensione a “Economia politica del comune” di Andrea Fumagalli

di FEDERICO CHICCHI (in effimera.org,gennaio 2018) Potrebbe sembrare forse azzardato, ma credo sia possibile sostenere che non esiste un solo e unico modo per descrivere il capitalismo. Non intendo in generale, altrimenti sarebbe ovvio, ma anche quando condividiamo, per linee generali, una prospettiva che voglia dirsi autenticamente marxiana. In altre parole, anche se partissimo da

Guy-Debord-The-naked-city-2-1-940x652

L’Internazionale Situazionista in un libro di Gianfranco Marelli

di STEFANO TACCONE in (operaviva.info,gennaio 2018) Dopo oltre vent’anni dalla prima edizione (1996) de L’amara vittoria del situazionismo. Storia critica dell’Internationale Situationniste 1957-1972, Gianfranco Marelli torna con una nuova edizione dell’opera (Mimesis, 2017), frutto di una passione e di uno studio mai interrotti. Molti sono i dati e le storie che si aggiungono alla edizione originaria,

mario tronti

La traiettoria teorica e politica di Mario Tronti

di DAVIDE GALLO LASSERE(inCommonware,gennaio 2018) Pubblichiamo in anteprima la traduzione italiana della voce “Mario Tronti” scritta da Davide Gallo Lassere per il dizionario sul marxismo che verrà pubblicato da Routledge in occasione del bicentenario della nascita del Moro di Treviri. Proprio oggi esce per Il Mulino l’antologia di scritti di Tronti con il titolo “Il

bari-profughi-albanesi-nave-vlora002-1000x600

Sulla femminilizzazione dei processi migratori: il caso delle donne albanesi in Puglia. Una introduzione

Con questo importante testo introduttivo di Ketty Nardulli iniziamo ad affrontare un tema poco analizzato ma di estremo interesse per comprendere i processi di globalizzazione (e di neofeudalesimo) presenti oggi nel Mezzogiorno d’Italia. Seguiranno pertanto altri interventi sull’argomento, a cadenza all’incirca mensile, incentrati i prossimi sul protagonismo femminile in questi particolari flussi migratori e sul

1 2 3 4 5 25